Clip video

Gemona prima del 6 maggio 1976
DVD, 2012, b/n e col.; 120 min. Con saggio introduttivo di Mauro Vale. In collaborazione con il Comune di Gemona del Friuli e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
EUR 15,00 (contrassegno postale: EUR 24,00)

 




 



Clip video

Gli ultimi (1963)
di Vito Pandolfi e David Maria Turoldo; 2 DVD + booklet a cura di Luca Giuliani, 2012; co-produzione La Cineteca del Friuli, CEC, Cinemazero; 281 min. (compresi extra).
EUR 19,90 (contrassegno postale: EUR 28,90; spese di contrassegno abbuonate in caso di acquisto di due o più copie).



 



Clip video

Novyi Vavilon / Nuova Babilonia / New Babylon (1929)
di Grigori Kozintsev e Leonid Trauberg; DVD 2012; 92 min. Non disponibile per la vendita.

Partitura originale di Dmitri Shostakovich eseguita dalla FVG Mitteleuropa Orchestra diretta da Mark Fitz-Gerald.

Registrazione live, Teatro Comunale Giuseppe Verdi, 1 ottobre 2011, serata inaugurale della 30a edizione delle Giornate del Cinema Muto.




 



Clip video

Le vie della Gloria
DVD, 2010; dur. 117' - b/n e col.; con booklet a cura di Lucio Fabi. EUR 15,00 (contrassegno postale: EUR 24,00)

Come il cinema costruisce il mito: l’epopea del Milite Ignoto e la visita di Vittorio Emanuele III sui luoghi della Grande Guerra nelle copie restaurate e musicate di due rarissimi documentari italiani del periodo muto, Gloria (1921) e Sulle vie della Vittoria (1922).

Gloria: Apoteosi del Soldato Ignoto (Federazione Cinematografica Italiana e Unione Fototecnici, 1921; 77 min.), con riprese effettuate dal 28 ottobre al 4 novembre 1921 a Trieste, Aquileia, Grado, Udine, Codroipo, Pordenone, Sacile, Conegliano, Venezia, Mestre, Montenegrotto, Pontelagoscuro, Ferrara, Firenze, Orvieto, Roma, Napoli, Milano, Torino, Genova, Bergamo, Catania, Messina.
Restauro effettuato dalla Cineteca del Friuli nel 2006-2007 dai materiali a 35mm conservati nella Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Musica di Mauro Colombis.
Circa 650.000 sono i militari italiani morti durante la Grande Guerra. Molti di loro non sono mai stati identificati. Per le tante famiglie dei caduti rimasti senza un nome, viene istituita, al termine del conflitto, la figura del Milite Ignoto. Undici salme di caduti ignoti provenienti dai vari campi di battaglia vengono riunite nella basilica di Aquileia, dove la madre di un volontario triestino disperso, Maria Bergamas, sceglie il caduto senza nome che simboleggia il sacrificio della Nazione intera. Caricata su un treno speciale con i simboli della vittoria, la bara prescelta viaggia lentamente da Trieste a Roma tra folle reverenti e indescrivibili scene di patriottismo e di lutto.

Carlo Gaberscek: "Quando l’Italia s’inchinò al Milite Ignoto"

Sulle vie della Vittoria: Visita dei Reali d’Italia alla Venezia Giulia (Walter Film, 1922; 45 min.) documenta il viaggio che il Re d'Italia Vittorio Emanuele III, la Regina Elena e la figlia Jolanda fecero tra il 21 e il 25 maggio 1922 sui “luoghi sacri” della Grande Guerra: Trieste, Monfalcone, Gorizia, Redipuglia, il monte San Michele, Postumia, Pola, Lussinpiccolo e Zara.
Restauro realizzato a partire dalla copia originale a 35mm donata alla Cineteca del Friuli da Armando Giuffrida. Musica di Carlo Moser.

 


Clip video

6 maggio 1976: il terremoto in Friuli
DVD, 2010; ristampa 2016; dur. 90' + 120' extra - b/n e col.; con booklet di Carlo Gaberscek. EUR 10,00 (contrassegno postale: EUR 19,00)

Ristampato, con l'aggiunta di un booklet di Carlo Gaberscek, in occasione del 40o anniversario del terremoto, il dvd contiene i materiali del vhs del 1996, 6 maggio 1976: il terremoto in Friuli, che documentavano quanto successo nell'arco di un anno – dalle devastazioni causate dal sisma all’opera di soccorso, alla vita nelle tendopoli, all’esodo delle popolazioni, alla costruzione dei prefabbricati. Gli extra sono costituiti da materiali pervenuti in Cineteca successivamente al 1996:
1 - Riprese della RAI per TG2 del 7 e dell'8 maggio 1976 con i corrispondenti Gianni Minà, Edek Osser e Giuseppe Marrazzo
2 - Gemona a un mese dal terremoto; servizio RAI del 6 giugno 1976 di Gianni De Cleva
3 – La ricostruzione del centro storico di Gemona con immagini intervallate di prima e dopo il terremoto, RAI, 1976
4 - Grazie coi sassi, RAI, 1977
5 - La tragedia del Friuli, 1977, produzione dell'Esercito Italiano
6 - Un terremoto per tutti, 1977, produzione del CEDI-Diocesi di Udine
7 - Rifare una città, RAI, 1977, di Enzo Balbon.

 


Clip video

Prime di sere (1993)
di Lauro Pittini; DVD, 2009; dur. 90' - colori; EUR 15,00 (contrassegno postale: EUR 24,00)

Dopo una prima edizione in VHS del 1995 e due ristampe del 1996 e del 2001, Prime di sere viene pubblicato – con il sostegno della Provincia di Udine e del Comune di Gemona – in edizione speciale DVD, restaurato e rimontato in digitale con sottotitoli in italiano. Contiene extra e booklet con saggio introduttivo dello storico Carlo Gabescek.
Tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Sgorlon e parlato in friulano, il film, vincitore della III edizione della Mostre dal Cine Furlan (1993), racconta di Liseo, ex-galeotto che ritorna al paese d’origine, dove trova l’ostilità di alcuni ma anche l’aiuto e l’affetto di altri, grazie ai quali può ricominciare a vivere e a sperare in un futuro migliore.

Irene Bignardi: "Piccoli budget per piccoli film (ma è vera arte)"

 


Clip video

La Sentinella della Patria (1927)
di Chino Ermacora; DVD, 2008; dur. 68’; EUR 10,00 (contrassegno postale: EUR 19,00)

Ricostruzione ad opera di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi del film che Chino Ermacora girò nel 1927 per l’Istituto Luce e con il quale si intendeva celebrare i luoghi della Grande Guerra. Le riprese effettuate in Carnia, a Udine, Gemona, Osoppo, Cividale, Aquileia, Grado, Gorizia, Spilimbergo, Aviano, Pordenone, rivelano gli aspetti storici e tradizionali del Friuli: i paesaggi, l’architettura e l’arte, la vita di allora, uno sposalizio in costume, alcune danze tradizionali. Accompagnamento del Glauco Venier Ensemble con musiche di Glauco Venier. Il DVD include anche Il Friuli (1941), ulteriore riduzione del documentario di Ermacora, con scene inedite rispetto alla versione Gianikian-Ricci Lucchi, e una selezione di immagini fotografiche di Attilio Brisighelli scattate durante la lavorazione del film.
La colonna sonora di Glauco Venier è anche disponibile su CD (costo 10 Euro).

 


Clip video

Bottecchia, l'ultima pedalata
di Gloria De Antoni; DVD, 2008; dur. 50’; EUR 10,00 (contrassegno postale: EUR 19,00)

Quel mistero sulla morte di un campione del ciclismo
La friulana Gloria De Antoni continua a scavare, con la preziosa collaborazione della Cineteca del Friuli, nella memoria della sua Regione natale con la grazia e l'intelligenza che aveva già messo in mostra nelle sue (troppo rare) apparizioni televisive. Dopo il cinema, con i lavori su Addio alle armi e La grande guerra (i cui set furono entrambi friulani), adesso affronta uno dei miti sportivi più radicati nella memoria di quella Regione, quello di Ottavio Bottecchia, il primo ciclista italiano a vincere il Tour de France nel 1924, bissando poi l'anno successivo.
Il titolo del film, Bottecchia l'ultima pedalata (da richiedere allo 0432.980458 o al sito www.cinetecadelfriuli.org), mette subito l'accento sul mistero della sua morte, avvenuta il 15 giugno 1927, dopo dodici giorni di agonia per una mai ben chiarita caduta durante un allenamento sulle strade di casa. Aveva perso l'equilibrio allacciandosi un cinturino del pedale? Aveva avuto una congestione dopo aver bevuto una birra gelata? Era stato aggredito da un contadino a cui aveva rubato — come voleva una voce popolare — un grappolo d'uva? O, come si era un po' mormorato a mezza voce, era stato vittima di una spedizione punitiva fascista?
Con l'aiuto di testimoni eccellenti e storici locali, da Sergio Zavoli all'ex direttore sportivo della nazionale di ciclismo Alfredo Martini, dai discendenti Franco Bottecchia e Renato Zarpellon, all'ex parroco di Peonis nel cui territorio avvenne l'incidente, don Nello Marcuzzi, e soprattutto con la consulenza sportiva di Gianni Mura, la De Antoni cerca di far luce sulle tante versioni di quella misteriosa morte, ma soprattutto ricostruisce lo spessore umano di uno sportivo che aveva vissuto sulla sua pelle la povertà dell'Italia degli anni Dieci e Venti e che aveva sempre confessato di "non correre per la gloria, i successi, le donne, ma solo per i schèi".
Bersagliere ciclista durante la prima Guerra mondiale, quando si era meritato anche un medaglia di bronzo al valor militare, emigrato una prima volta in Francia nel 1919 per cercare lavoro, Bottecchia scoprì nella bicicletta un mezzo per guadagnare quello che la miseria del dopoguerra non offriva. Scavando negli archivi della Cineteca e di piccoli enti privati che hanno messo a disposizione rarissime immagini di repertorio, recuperando un primo lavoro fatto per l'ottantesimo anniversario della morte del ciclista (dove parla anche un testimone oculare delle vittorie francesi), Bottecchia, l'ultima pedalata riesce così a ricostruire le gesta di un campione e insieme lo spirito di quei tempi eroici. - Paolo Mereghetti (Il Corriere della Sera, 20 ottobre 2008)

Maggiori informazioni sulla realizzazione del documentario, nella sezione Produzioni televisive di questo sito.

 


Clip video 1

Clip video 2

Cartoline dal grande schermo
I sentieri della gloria: in viaggio con Mario Monicelli sui luoghi della grande guerra; Ritorno al Tagliamento: con Franco Interlenghi e Antonella Lualdi sui luoghi di "Addio alle armi" di Hemingway: due reportage di Gloria De Antoni realizzati con la collaborazione amichevole di Oreste De Fornari; DVD, 2007; dur. 103' più extra; allegato: saggio di Carlo Gaberscek; EUR 15,00 (contrassegno postale: EUR 24,00)

"Nel 2005 Monicelli (15 maggio 1915) ha compiuto 90 anni, ma è stato anche il 90° anniversario dell'ingresso dell'Italia nella prima guerra mondiale. Davanti a una moviola il regista commenta i filmati del viaggio che nell'estate 2004 fece sui luoghi friulani dove fu girato La grande guerra (1959). Il ritorno sui vecchi set (Gemona, Venzone e Palmanova) ha fornito l'occasione di incontrare tra una piazza e un'osteria, quegli anziani friulani che, comparse o spettatori seguirono la lavorazione del film. Fa gli onori di casa lo storico cinefilo Carlo Gaberscek, autore con Livio Jacob del volume Il Friuli e il cinema . Con i suoi ricordi e riflessioni, non privi di risvolti della sua ironia toscano–romana, Monicelli ci mette il sale." – Il Morandini, 2006
EXTRA: Carlo Mazzarella incontra a Venzone Alberto Sordi e Vittorio Gassman (1959); interviste di Gloria De Antoni con l'attore Mario Valdemarin, con lo sceneggiatore Furio Scarpelli e con la costumista Bruna Parmesan (2007).

Ritorno al Tagliamento: con Franco Interlenghi e Antonella Lualdi sui luoghi di Addio alle armi di Hemingway (2006)
Mezzo secolo dopo la realizzazione di Addio alle armi (1957), Gloria De Antoni e Carlo Gaberscek tornano suii luoghi friulani visitati da Ernest Hemingway e incontrano le persone che lo hanno conosciuto e ospitato.
Ma Ritorno al Tagliamento, è anche un'occasione per ripercorrere il set delle riprese del kolossal di David O. Selznick, avendo come testimoni di quella complessa lavorazione Franco Interlenghi e Antonella Lualdi, oltre alle tante comparse di Venzone che con i loro ricordi contribuiscono a rievocare l'impatto creato in quei giorni dall'irruzione del mitico mondo hollywoodiano in un piccolo centro di provincia friulano.
EXTRA:  Hemingway nei ricordi della Contessa Kechler di Michele Federico (2007); A pranzo con Franco e Mario di Gloria De Antoni (2007).

Per ulteriori informazioni su I sentieri della gloria e su Ritorno al Tagliamento si vedano le Produzioni televisive della Cineteca del Friuli.

 


Clip video

Doppio sguardo sulla Grande Guerra
di Lucio Fabi e Giampaolo Penco; DVD, 2006; dur. 152'; EUR 20,00 (contrassegno postale: EUR 29,00)

Com’è lontana la guerra vera da quella che appare sul grande schermo. I fanti sorridono guardando verso l’obiettivo, assaggiando il rancio (sicuramente “ottimo e abbondante”...), si preparano scrupolosamente all’assalto, scrivono lettere e cartoline ai propri cari. Ma questa, ovviamente, è tutta propaganda, pellicola girata da operatori al servizio degli alti comandi per inviare messaggi rassicuranti a casa, mobilitare i sentimenti patriottici, preparare ai successivi, immani sforzi bellici.
Per conoscere la verità c’è dunque bisogno di un “Doppio sguardo sulla Grande Guerra”: proprio come propone la Cineteca del Friuli (la stessa che organizza le fenomenali Giornate del Cinema Muto): accanto alle immagini “addomesticate”, le visioni terrificanti di soldati che escono dalle trincee per andare a morte certa, i bombardamenti incessanti, le fiumane di profughi e prigionieri. E inoltre, il fronte visto dall’altra parte, il “miracolo” di Caporetto (così fu per gli austro-ungarici), la crudeltà dei “barbari” italiani, la “liberazione” del Friuli.
Ma non è tutto: il primo dei due dvd inseriti nel cofanetto contiene un documentario curato da Lucio Fabi e Giampaolo Penco, che abbina alle immagini d’epoca la lettura delle lettere dei fanti. Dall’inferno all’inferno: a Gorizia un giovane soldato racconta di dormire nel cimitero, tra le bare di una grande tomba di famiglia. Immediatamente i fotogrammi perdono ogni aura di gloria posticcia, diventando allucinata testimonianza di una tragedia senza pari.
Il secondo dvd raccoglie straordinari materiali d’epoca, presentati in ordine cronologico e scelti con assoluto scrupolo filologico, come testimonia il libretto di accompagnamento, in cui Fabi ricorda la sterminata produzione cinematografica “dal vero” realizzata nel corso della Grande guerra. - LUIGI PAINI, Vite in trincea, Il Sole 24 Ore, 12 novembre 2006

Maggiori informazioni su questo DVD, nella sezione Progetti speciali di questo sito.

 


Clip video

Il paesaggio friulano nel documentario cinematografico, 1910-1969; con un saggio di Carlo Gaberscek; DVD, 2006; dur. 87'; EUR 15,00 (contrassegno postale: EUR 24,00)

Il cinema nasce dal documentario. Inizialmente, infatti, viene percepito ed apprezzato come mezzo per conoscere realtà lontane – luoghi, cerimonie ufficiali, personalità, avvenimenti sportivi, episodi di cronaca in grado di colpire l’immaginazione di un pubblico che diventa sempre più numeroso e curioso ma anche realtà più vicine e quotidiane. Questo DVD raccoglie otto preziosi documenti che testimoniano 60 anni di cinema in Friuli, dal 1910, data del più antico film sopravvissuto, sino alla fine degli anni Sessanta, allorché la consuetudine di proiettare documentari nelle sale cinematografiche scomparve.
Ne sono autori cineasti celebri come Michelangelo Antonioni e Romolo Marcellini e personalità ingiustamente dimenticate come Antonio Seguini De Santi, Piero Zorattini o Giorgio Trentin. La raccolta dà la possibilità allo spettatore di “visitare” alcune località del Friuli oggi profondamente trasformate; di soffermarsi sul lavoro contadino, artigianale e industriale negli anni Trenta, Quaranta e Cinquanta e di apprezzare le bellezze artistiche di Grado, Aquileia, Udine e Gemona, l’architettura tradizionale della Carnia e quella moderna di Lignano Sabbiadoro.

Film presenti nell’antologia
GRADO E LA LAGUNA DI AQUILEJA (Cines, Roma, 1910); lunghezza originale: 113 m.; 2’30’’; da un positivo 35mm colorato meccanicamente donato alla Cineteca del Friuli dal National Film and Television Archive-British Film Institute di Londra.

IL FRIULI (Cineguf, Udine, 1936-1942) di Giuseppe Francescato, Orama Lestuzzi, Fausto Magnani e Maurizio Sanvilli; 20’30’’; dalla copia su pellicola invertibile Agfacolor a 16mm di Luigi Francescato.

RITRATTO DI UN PAESE (Tempo in cammino, Roma, 1949); produzione e regia: Romolo Marcellini; fotografia(bianco e nero) : M. Bonicatti; operatore: A. Alessandri; montaggio: P. Giomini; adattamento musicale: V. Chiti; edizioni Fortuna, Roma; 289 m.; 10’; dalla copia nitrato 35mm di Enrico Mazzoli.

SETTE CANNE, UN VESTITO (Artisti Associati per ICET-Industrie Cinematografiche e Teatrali, Milano, 1949); regia: Michelangelo Antonioni; fotografia (bianco e nero): Giovanni Ventimiglia; organizzazione: Vieri Bigazzi; lunghezza originale: 284 m.; 10’; dal positivo 35mm ricavato dal controtipo negativo ottenuto dalla copia nitrato depositata presso la Cineteca del Friuli dalla Caffaro SPA (già Chimica del Friuli) di Torviscosa.

AQUILEIA (Panar-Film, 1954); regia: Piero Zorattini; soggetto: Prof. G.B. Brusi, Ing. V. De Grassi, Bruno Ianovitz; montaggio: Carlo Pozzi; commento: B. Ianovitz; musica: Fabor edizioni Sonzogno; organizzazione: Ennio Pintor; fotografia (Ferraniacolor): Piero Zorattini e Nichi Tromby; realizzato sotto gli auspici dell’Associazione Nazionale “Pro Aquileia” presieduta dal cav. del lavoro Franco Marinotti; lunghezza originale: 235 m.; 8’; da una copia positiva 35mm depositata presso la Cineteca del Friuli dalla Caffaro SPA (già Chimica del Friuli) di Torviscosa.

DONGJE IL FOGOLÂR (Vette Filmitalia, 1963); regia: Giorgio Trentin; organizzazione: Ugo Novello; fotografia (a colori): Berto Birello; assistente: Gianni Birello; musica: Egisto Macchi, edizioni musicali Rete; gli interni sono stati gentilmente concessi dalle famiglie Bierti e Montini e dalla Locanda Centrale di Gemona del Friuli; 10’; da una copia a 35mm ricavata da un internegativo ottenuto dal positivo 35mm conservato dall’autore.

LIGNANO (Azienda Autonoma di Soggiorno di Lignano, 1963) di Antonio Seguini De Santi; a colori; 11’30’’; dalla copia positiva 16mm donata alla Cineteca del Friuli all’autore.

ARCHITETTURA RUSTICA IN CARNIA (1969); regia: Giorgio Trentin; fotografia (a colori): Berto Birello; musica: F. Cavaliere; montaggio: Giorgio Pelliccia; 14’; dalla copia positiva 35mm donata alla Cineteca del Friuli dall’autore.